Riuniamo la famiglia

Vota il progetto: 
2.18712
Average: 2.2 (1475 votes)
Il Progetto proposto intende creare un laboratorio permanente di accompagnamento al lavoro ed all'auto imprenditorialità. Prevediamo di realizzare un percorso combinato di: orientamento al lavoro, informazione e formazione sulle dinamiche del mercato del lavoro e sulla relativa legislazione, formazione mirata alla riqualificazione professionale, formazione ed azione finalizzate ad intercettare le esigenze del mercato locale e le potenziali commesse (sia pubbliche che private), intercettare le forme di finanza agevolata e partner sostenitori che agevolino l’incubazione d’impresa. Le finalità di tale incubatore sono l'accompagnamento al progetto di start up, l'affiancamento nella loro crescita fornendo strumenti e spazi utili a sviluppare un business efficace con l'affiancamento per progettare e intercettare lavori e commesse ove svolgere la formazione professionale e rioccupare i lavoratori formati. I destinatari dell'azione del presente progetto sono individuati nelle ragazze madri e nei padri separati, categorie entrambe che vivono spesso uno stato di profondo disagio sociale. La nostra azione si prefigge di intervenire su di un target ben definito solitamente non rientrante in specifiche azioni di inclusione attiva. Il progetto vede la presenza del MLAC con Azione Cattolica, dell'Associazione Opera Mariana del Samaritano Onlus, del sostegno del sindacato CGIL, e del PROGETTO POLICORO. Sarà coordinato dalla società di servizi SAGECO partner qualificato e specializzato nell'erogazione di servizi integrati alle imprese. Il territorio nel quale ci muoveremo è caratterizzato da un alto potenziale di intervento in quanto vi sono diversi comuni altamente popolati: Altamura 70.000 abitanti, Gravina in Puglia 50.000 abitanti, Santeramo in colle 27.000 abitanti, Acquaviva delle Fonti 21.000 abitanti e dando l’opportuna importanza ai comuni di Spinazzola 7.000 abitanti, Poggiorsini 1.500 abitanti.
Total votes: 1475